Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Mar Mag 03, 2016 7:54 am

L'organizzazione Mondomostre sta lavorando ad una mostra di opere uniche di Salvador Dalí da portare al Palazzo Blu di Pisa per la stagione Ottobre 2016-Febbraio 2017.

Al momento non si sa molto di più quindi rimanete su queste pagine durante i prossimi mesi e verrete costantemente aggiornati.


Ultima modifica di LucaMenes il Dom Giu 26, 2016 9:59 am, modificato 2 volte
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Dom Giu 26, 2016 6:04 am

Iniziano ad arrivare le prime notizie riguardo la mostra di Pisa, intanto abbiamo il titolo e le date:
Dalí. Il sogno del classico.
Dal 1 Ottobre 2016 al 05 Febbraio 2017.

Inoltre una breve presentazione trovata nel sito ufficiale di chi organizza la mostra: http://www.mondomostre.it/mostre/italia/212/salvador-dali/

Salvador Dalí a confronto diretto con la tradizione antica e con i grandi Maestri del passato. Un progetto dedicato allʹartista surrealista più enigmatico, caratterizzato da una profonda forza di convinzione radicata spesso nellʹeccesso visionario del quale è protagonista e promotore. È il Dalì che ama i grandi Maestri italiani, che cita Raffaello, che racconta Cellini, che illustra Dante e che dipinge Michelangelo, il protagonista di questo progetto di mostra che apre e presenta al pubblico di Palazzo Blu la trilogia dedicata al Surrealismo, attraverso lʹopera del più eccentrico e geniale dei suoi esponenti.
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Mar Lug 26, 2016 8:57 am

Da Pisatoday: http://www.pisatoday.it/eventi/mostre/dali-palazzo-blu-pisa.html

Mostra Dalì a Palazzo Blu a Pisa

Palazzo Blu: dal 1° ottobre la mostra di Dalì
L'esposizione rimarrà aperta fino al 5 febbraio 2017. In mostra, per la prima volta in Italia, le opere che rivisitano in chiave daliniana la produzione artistica dei più grandi Maestri italiani, da Raffaello a Michelangelo

Mostra Dalì a Palazzo Blu a Pisa

Sarà Salvador Dalì il protagonista della prossima esposizione di Palazzo Blu. Dal 1° ottobre 2016 al 5 febbraio 2017 la Fondazione Palazzo Blu ospiterà infatti la mostra 'Dalí. Il sogno del classico', organizzata con la collaborazione della Fundación Gala-Salvador Dalí e MondoMostre. L’esposizione, a cura di Montse Aguer i Teixidor, direttrice del Centre Estudis Dalinians della Fundación Gala-Salvador Dalí, presenta al pubblico la grande opera del maestro spagnolo, attraverso una selezione mirata di importanti opere che mostrano la grande ispirazione che Dalì trae dalla tradizione italiana e dai grandi Maestri soprattutto rinascimentali.

All’interno del percorso espositivo una serie di importanti dipinti in cui il pittore spagnolo cita Raffaello e rivisita sotto una lente surrealista i capolavori scultorei e pittorici di Michelangelo, i disegni e gli acquarelli che raccontano la leggendaria vita di Benvenuto Cellini e l’intera serie che illlustra il capolavoro di Dante Alighieri, la Divina Commedia.
Così, per la prima volta in Italia, diversi dei suoi dipinti su tela che rivisitano in chiave daliniana la produzione artistica dei più grandi Maestri italiani. Oltre 150 opere provenienti dal Museo Fundación Gala-Salvador Dalí di Figueres e dal Dalí Museum di St. Petersburg in Florida, le due più importanti istituzioni mondiali che custodiscono le opere dell’artista spagnolo, ma anche dai Musei Vaticani.

Un grande progetto dal taglio inedito, una mostra trasversale che mette a confronto diretto il genio di Figueres con la tradizione antica e con i grandi Maestri del passato e che presenta, per la prima volta nelle sale di Palazzo Blu, un aspetto particolare della parabola surrealista, attraverso i dipinti e le opere del più enigmatico ed eccentrico dei suoi esponenti per esplorare e ammirare il 'sogno classico' di Salvador Dalí.

avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Lun Ago 01, 2016 1:01 pm

Dal sito ufficiale di Palazzo Blu (Pisa): http://www.palazzoblu.it/index.php?id=967&lang=it

"Inizia a disegnare e a dipingere come gli antichi maestri. Dopo potrai fare quello che vorrai: tutti ti rispetteranno." Salvador Dalí.


Dall’1 ottobre 2016 al 5 febbraio 2017 la Fondazione Palazzo Blu ospita la mostra "Dalí. Il sogno del classico", organizzata con la collaborazione della Fundación Gala-Salvador Dalí e MondoMostre. L’esposizione, a cura di Montse Aguer i Teixidor, direttrice del Centre Estudis Dalinians della Fundación Gala-Salvador Dalí, presenta al pubblico la grande opera del maestro spagnolo, attraverso una selezione mirata di importanti opere che mostrano la grande ispirazione che Dalì trae dalla tradizione italiana e dai grandi Maestri soprattutto rinascimentali.

All’interno del percorso espositivo una serie di importanti dipinti in cui il pittore spagnolo cita Raffaello e rivisita sotto una lente surrealista i capolavori scultorei e pittorici di Michelangelo, i disegni e gli acquarelli che raccontano la leggendaria vita di Benvenuto Cellini e l’intera serie che illlustra il capolavoro di Dante Alighieri, la Divina Commedia.

L'arte di Dalí, nella sua dimensione onirica, è un continuo susseguirsi di citazioni e di richiami, scomposizioni finalizzate a nuove formulazioni e ancestrali nostalgie.
Per la prima volta in Italia, diversi dei suoi dipinti su tela che rivisitano in chiave daliniana la produzione artistica dei più grandi Maestri italiani. Oltre 150 opere provenienti dal Museo Fundación Gala-Salvador Dalí di Figueres e dal Dalí Museum di St. Petersburg in Florida, le due più importanti istituzioni mondiali che custodiscono le opere dell’artista spagnolo, ma anche dai Musei Vaticani.

Un grande progetto dal taglio inedito, una mostra trasversale che mette a confronto diretto il genio di Figueres con la tradizione antica e con i grandi Maestri del passato e che presenta, per la prima volta nelle sale di Palazzo Blu, un aspetto particolare della parabola surrealista, attraverso i dipinti e le opere del più enigmatico ed eccentrico dei suoi esponenti per esplorare e ammirare il "sogno classico" di Salvador Dalí.

INFORMAZIONI
DALI
Il sogno del classico
Palazzo Blu, 1 ottobre 2016 - 5 febbraio 2017

dal lunedì al venredì dalle 10.00 alle 19.00
sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00
(ultimo ingresso un'ora prima della chiusura)

Tel. 050 220.46.50
Mail: info@palazzoblu.it
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Mer Ago 17, 2016 6:22 am

Nuovo sito ufficiale della mostra con l'anteprima di alcune opere: http://www.mostradalipisa.it/index.php

Per chi volesse prenotare la visita alla mostra di Pisa è aperta la prevendita:

http://www.vivaticket.it/ita/tour/dali-il-sogno-del-classico/1779?ord=20

Tariffe e Orari

Orari
Lunedì – Venerdì: 10:00 – 19:00
Sabato – Domenica e festivi: 10:00 – 20:00
La biglietteria chiude un'ora prima

Biglietteria
Intero: 12,00 euro con audioguida
Ridotto, convenzioni e gruppi: 10,00 euro con audioguida
Ridotto: 5,00 euro universitari (solo Giovedì) con audioguida
Ridotto: 5,00 euro gruppi scuola

Diritti di prenotazione e prevendita
Singoli: 1,50 euro
Gruppi: 1,50 euro a persona
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Mer Ago 17, 2016 6:34 am

Importanti news riguardo la mostra intercettate qui: https://eventiculturalimagazine.com/2016/08/08/dali-il-sogno-del-classico/

La mostra insiste sull’importanza dell’Italia, del Rinascimento e in particolare di Michelangelo, nell’opera di Salvador Dalí. All’interno del percorso espositivo troviamo una selezione di oli straordinari e poco conosciuti, quattro dei quali inediti – Senza titolo. Mosè da quello della tomba di Giulio II di Michelangelo, Senza titolo. Cristo dalla Pietà di Palestrina attribuita a Michelangelo, Senza titolo. Giuliano de’ Medici da quello del sepolcro di Giuliano de’ Medici di Michelangelo e Senza titolo. dal Ragazzo accovacciato di Michelangelo – che figurano tra le sue ultime creazioni degli anni ottanta. Presentate per la prima volta come un corpus stilistico e tematico, queste opere permettono di analizzare la tecnica e il pensiero del Dalí di quel periodo, e di evidenziare come le sue inquietudini continuassero a tradursi in espressione artistica. Approfondire la conoscenza dell’ultima fase della carriera del pittore, ancora poco nota, significa entrare in contatto con il pensiero daliniano più peculiare, mediato da un’espressività che persegue la ricerca dell’immortalità.



Così come dimostrano anche i quattro dipinti che aprono la mostra, La Trinità, studio per il Concilio ecumenico del 1960, Paesaggio di Port Lligat, 1950, Sant’Elena a Port Lligat, 1956 circa e Angelo di Port Lligat, 1952, dove è possibile notare una svolta mistica e religiosa nell’arte di Salvador Dalí. Dopo aver trascorso otto anni negli Stati Uniti con la sua amata Gala, a causa della guerra civile spagnola, nel luglio del 1948 Dalí e Gala tornano a Port Lligat e poi di nuovo in Italia. Così Dalí descrive il suo soggiorno nella penisola “Sono tutto invasato dai canoni geometrici, dalle misure, dalle proporzioni (…)”.

Ed è proprio il suo soggiorno in Europa di quegli anni che segna il passaggio nella “nuova era della pittura mistica” in cui le sue maggiori passioni – la scienza, la religione e i mastri della pittura – si fondono. Sono gli anni in cui prepara il testo che pubblicherà, nella sua forma definitiva, nel 1951 e che si intitola Manifesto Mistico; un manifesto che vuol essere una legittimazione della sua pittura di temi religiosi ispirati agli artisti rinascimentali che ammira.



Oltre i dipinti sarà esposta in mostra l’intera serie di xilografie che illustra la Divina Commedia. Nel 1950 il Ministro della Pubblica Istruzione commissionò a Salvador Dalí di illustrare il capolavoro di Dante Alighieri, dopo che l’artista aveva già dipinto alcuni acquerelli ispirati dal celebre poema italiano, tra il 1950 e il 1952. Ne risultarono 102 acquerelli, esposti prima a Roma, nel 1954, e in seguito a Venezia e Milano. A causa delle pressioni politiche dell’opposizione, contraria a che uno spagnolo si occupasse d’illustrare il più grande capolavoro della letteratura italiana, il governo italiano decise però di recedere dalla commissione e Dalí, che si sentì insultato dal gesto, si prese il gusto di una rivincita. L’artista spagnolo infatti raddoppiò il prezzo e offrì i diritti di riproduzione a Joseph Forêt che nel 1960, pubblicò 100 aquarelles pour la Divine Comédie de Dante Alighieri par Salvador Dalí, il catalogo della mostra che venne allestita al Palais Galliera di Parigi. Il 23 novembre 1963, Forêt pubblicò un’edizione integrale della Divina Commedia con le stampe originali degli acquerelli dell’artista spagnolo.



E poi la mostra ci conduce a un Dalí disegnatore, dopo averlo visto pittore, illustratore e intellettuale appassionato di letteratura, attraverso 30 disegni e acquarelli che raccontano la leggendaria vita di Benvenuto Cellini. L’artista catalano viene incaricato dall’editore Doubleday&Company di illustrare una nuova edizione della Vita dell’orafo fiorentino. È il 1945 e Dalí realizza quarantadue illustrazioni per l’Autobiografia di Benvenuto Cellini, molto varie sia da un punto di vista formale che tecnico. Gli originali per la preparazione di quest’opera, oggi conservati alla Fundaciòn Gala-Salvador Dalí di Figueres, sono dotati di iscrizioni e citazioni dal testo celliniano. È questa l’occasione per Dalí di una meditazione sistematica riguardante la vita e le opere di Benvenuto Cellini che tuttavia, non comporterà un aumento di citazioni o rimandi nelle opere degli anni successivi, a testimonianza che il genio celliniano era già ben presente nell’immaginario e nel linguaggio figurativo di Dalí, che avrebbe voluto incarnare il ruolo di artista poliedrico e multidisciplinare quale era Cellini nel Cinquecento.



La mostra dunque si presenta come un grande progetto dal taglio inedito, che mette a confronto diretto il genio di Figueres con la tradizione antica e con i grandi Maestri italiani e che presenta, per la prima volta nelle sale di Palazzo Blu, un aspetto particolare della parabola surrealista daliniana. Ed ecco che dipinti, illustrazioni, disegni e acquarelli raccontano di un enigmatico ed eccentrico Dalí in veste di esploratore e ammiratore del “sogno classico”.
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

In 30mila per Dalì

Messaggio  LucaMenes il Gio Nov 24, 2016 8:49 pm

In 30mila per Dalì
 

Tanti sono stati finora i visitatori della mostra a palazzo Blu.

PISA — La mostra Dalì, il sogno del classico, che ha aperto i battenti un mese e mezzo fa a palazzo Blu conta ad oggi 30mila visitatori, 2500 solo nel penultimo weekend.
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Mostra prorogata

Messaggio  LucaMenes il Mer Feb 01, 2017 10:18 am

La mostra di Pisa è stata prorogata fino al 19 Febbraio visto il grande successo che sta ottenendo.


Fino al 19 febbraio il percorso espositivo, che rimarrà inalterato, permetterà al pubblico di intraprendere un affascinante viaggio intorno a 150 opere tra dipinti, acquerelli e xilografie provenienti dal Teatro Museo Dalí di Figueres, dal Dalí Museum di St. Petersburg in Florida, le due più importanti istituzioni mondiali che custodiscono le opere dell’artista spagnolo, e dai Musei Vaticani. Sono numeri in crescita quelli che emergono intanto da una prima analisi dei risultati della mostra. In aumento le prenotazioni dei gruppi organizzati iscritti al 5 gennaio, +26% rispetto al 5 gennaio 2016. Segno più anche per le visite guidate organizzate fino al 5 gennaio, aumentate del 40% e passando così dalle 439 alle 615 rispetto al precedente anno. Boom anche per i laboratori didattici con un incremento dell'86% rispetto al gennaio 2016: 397 le attività di laboratorio contro i 214.

La mostra 'Dalí. Il sogno del classico' è visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 20 (la biglietteria chiude un'ora prima). Il biglietto d'ingresso intero è di 12 euro con audioguida, 10 euro (sempre con audioguida) il ridotto per gruppi e convenzioni. Ridotto a 5 euro con audioguida per gli studenti dell'Università di Pisa e della Scuola Normale Superiore, valido solo il giovedì. Info: www.mostradalipisa.it


L'articolo integrale lo trovate qui: http://www.pisatoday.it/eventi/mostre/proroga-19-febbraio-2017-mostra-dali-pisa.html
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  LucaMenes il Gio Apr 06, 2017 8:56 am

Purtroppo la mostra di Pisa si è conclusa da un pò, ma tirando le somme possiamo sicuramente gioire dell'interesse Italiano verso il grande genio Catalano!

http://www.quinewspisa.it/pisa-in-95mila-per-dali.htm

In 95mila per Il sogno del classico


Record di presenze a Palazzo blu per la mostra di Salvador Dalì, seconda solo a quella dedicada ad Amedeo Modigliani

PISA — 95012 visitatori in 142 giorni per Dalí, il sogno del classico.

Per Dalí, il sogno del classico la media giornaliera è di 669 presenze al giorno per un totale di 142 giorni di apertura dell’esposizione. Un risultato eccezionale, secondo solo a quello ottenuto dalla mostra Amedeo Modigliani et ses amis (2015).

Le scuole, con 25.069 biglietti staccati tra gli studenti (il 26 per cento dei visitatori) che hanno preso parte a visite guidate e ai laboratori didattici con la novità del concorso “Reinterpreta Dalí – Sfida in blu” riservato proprio alle scuole.

Ha riscosso successo infatti l’iniziativa dei giovedì universitari pensati per proporre a tariffe ridotte l’ingresso alla mostra degli studenti dell’Università di Pisa e della Scuola Normale Superiore (9.024 visitatori).

Tenendo conto delle mostre temporanee organizzate nell’ultimo triennio, la media dei visitatori si attesta poco sotto la soglia dei centomila biglietti staccati, rispetto agli 80mila del triennio precedente. Non a caso “Dalí. Il sogno del classico” era stata prorogata di due settimane (fino al 19 febbraio) in seguito alle innumerevoli richieste di prenotazione e per il successo di pubblico e di critica, grazie alla generosità delle istituzioni prestatrici.

Per il presidente di Palazzo Blu Cosimo Bracci Torsi "E' un risultato importante in un momento particolarmente difficile di crisi economica generale che deprime i consumi, di affollarsi di iniziative concorrenti, di aumento dei costi e di assottigliarsi delle risorse".

La mostra è stata soprattutto meta di appassionati provenienti da Pisa e varie zone della Toscana: l’area pisana ha fornito il 63 per cento dei visitatori e quello toscano ha portato a Palazzo Blu il 23 per cento dei turisti mentre l’11 è arrivato da fuori regione e il 3 dall’estero. In termini assoluti, sono 60137 i visitatori provenienti da Pisa e provincia, 5596 in arrivo da Livorno, 5048 da Firenze e 4175 da Lucca. Per quanto riguarda la provenienza da fuori regione, il primato spetta alla Liguria con 2564 presenze, seguita dall’Emilia – Romagna (1904), Lombardia (1104), Lazio (1024) e Sicilia (813).
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dalí. Il sogno del classico. Pisa, Palazzo blu, dal 01 Ottobre 2016

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum