Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  Turtle il Dom Ago 02, 2009 4:11 pm

Tra gli aneddoti e curiosità sulla vita del Maestro mi piace ricordare l'amicizia che lo ha legato fin dai tempi dell'università a García Lorca. Salvador Dalí e Federico García Lorca si conobbero, infatti, a Madrid nel 1923. Il pittore aveva allora diciotto anni, il poeta ventiquattro, e la loro amicizia durò fino a quando, nel 1936, Federico venne fucilato dalle truppe di Franco. Le lettere (raccolte nel libro Dalì Salvador - Lettere a Federico. Lettere a Federico García Lorca) che Dali scrisse a Garcia Lorca in quegli anni riflettono le alterne vicende di quel rapporto, così importante per la vita e l'opera di entrambi e per lo sviluppo del più suggestivo periodo della nostra cultura: il surrealismo.
Il Poeta dedicò a Dalì anche un'ode... magari se qualcuno avesse il testo potrebbe condividerlo Wink
avatar
Turtle
Amico
Amico


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  SILVIA il Gio Set 17, 2009 7:37 am

Turtle ha scritto:Tra gli aneddoti e curiosità sulla vita del Maestro mi piace ricordare l'amicizia che lo ha legato fin dai tempi dell'università a García Lorca. Salvador Dalí e Federico García Lorca si conobbero, infatti, a Madrid nel 1923. Il pittore aveva allora diciotto anni, il poeta ventiquattro, e la loro amicizia durò fino a quando, nel 1936, Federico venne fucilato dalle truppe di Franco. Le lettere (raccolte nel libro Dalì Salvador - Lettere a Federico. Lettere a Federico García Lorca) che Dali scrisse a Garcia Lorca in quegli anni riflettono le alterne vicende di quel rapporto, così importante per la vita e l'opera di entrambi e per lo sviluppo del più suggestivo periodo della nostra cultura: il surrealismo.
Il Poeta dedicò a Dalì anche un'ode... magari se qualcuno avesse il testo potrebbe condividerlo Wink


Ciao, sono Silvia, nuova nel forum e inesperta.leggendo tra i messaggi qui nel sito ho trovato il tuo dove chiedi la condivisione del testo Oda a Salvador Dali. Io ci sto lavorando su ed ho il testo originale in spagnolo! lo scrivo qui....anche se non so se è cio che tu cercavi o magari considerata la data del tuo messaggio magari hai gia risolto! io intanto la scrivo

[ODA A SALVADOR DALÍ
«Revista de Occidente» n°131, Madrid, 1926

Una rosa en el alto jardín que tú deseas.
Una rueda en la pura sintaxis del acero.
Desnuda la montaña de niebla impresionista.
Los grises oteando sus balaustradas últimas.
Los pintores modernos en sus blancos estudios,
cortan la flor aséptica de la raíz cuadrada.
En las aguas del Sena un ice-berg de mármol
enfría las ventanas y disipa las yedras.
El hombre pisa fuerte las calles enlosadas.
Los cristales esquivan la magia del reflejo.
El Gobierno ha cerrado las tiendas de perfume.
La máquina eterniza sus compases binarios.
Una ausencia de bosques, biombos y entrecejos
yerra por los tejados de las casas antiguas.
El aire pulimenta su prisma sobre el mar
y el horizonte sube como un gran acueducto.
Marineros que ignoran el vino y la penumbra,
decapitan sirenas en los mares de plomo.
La Noche, negra estatua de la prudencia, tiene
el espejo redondo de la luna en su mano.
Un deseo de formas y límites nos gana.
Viene el hombre que mira con el metro amarillo.
Venus es una blanca naturaleza muerta
y los coleccionistas de mariposas huyen.
* * *
Cadaqués, en el fiel del agua y la colina,
eleva escalinatas y oculta caracolas.
Las flautas de madera pacifican el aire.
Un viejo dios silvestre da frutas a los niños.
Sus pescadores duermen, sin ensueño, en la arena.
En alta mar les sirve de brújula una rosa.
El horizonte virgen de pañuelos heridos,
junta los grandes vidrios del pez y de la luna.
Una dura corona de blancos bergantines
ciñe frentes amargas y cabellos de arena.
Las sirenas convencen, pero no sugestionan,
y salen si mostramos un vaso de agua dulce.
* * *
¡Oh, Salvador Dalí, de voz aceitunada!
No elogio tu imperfecto pincel adolescente
ni tu color que ronda la color de tu tiempo,
pero alabo tus ansias de eterno limitado.
Alma higiénica, vives sobre mármoles nuevos.
Huyes la oscura selva de formas increíbles.
Tu fantasía llega donde llegan tus manos,
y gozas el soneto del mar en tu ventana.
El mundo tiene sordas penumbras y desorden,
en los primeros términos que el humano frecuenta.
Pero ya las estrellas ocultando paisajes,
señalan el esquema perfecto de sus órbitas.
La corriente del tiempo se remansa y ordena
en las formas numéricas de un siglo y otro siglo.
Y la Muerte vencida se refugia temblando
en el círculo estrecho del minuto presente.
Al coger tu paleta, con un tiro en un ala,
pides la luz que anima la copa del olivo.
Ancha luz de Minerva, constructora de andamios,
donde no cabe el sueño ni su flora inexacta.
Pides la luz antigua que se queda en la frente,
sin bajar a la boca ni al corazón del bosque.
Luz que temen las vides entrañables de Baco
y la fuerza sin orden que lleva el agua curva.
Haces bien en poner banderines de aviso,
en el límite oscuro que relumbra de noche.
Como pintor no quieres que te ablande la forma
el algodón cambiante de una nube imprevista.
El pez en la pecera y el pájaro en la jaula.
No quieres inventarlos en el mar o en el viento.
Estilizas o copias después de haber mirado,
con honestas pupilas sus cuerpecillos ágiles.
Amas una materia definida y exacta
donde el hongo no pueda poner su campamento.
Amas la arquitectura que construye en lo ausente
y admites la bandera como una simple broma.
Dice el compás de acero su corto verso elástico.
Desconocidas islas desmiente ya la esfera.
Dice la línea recta su vertical esfuerzo
y los sabios cristales cantan sus geometrías.
* * *
Pero también la rosa del jardín donde vives.
¡Siempre la rosa, siempre, norte y sur de nosotros!
Tranquila y concentrada como una estatua ciega,
ignorante de esfuerzos soterrados que causa.
Rosa pura que limpia de artificios y croquis
y nos abre las alas tenues de la sonrisa
(Mariposa clavada que medita su vuelo).
Rosa del equilibrio sin dolores buscados.
¡Siempre la rosa!
* * *
¡Oh, Salvador Dalí de voz aceitunada!
Digo lo que me dicen tu persona y tus cuadros.
No alabo tu imperfecto pincel adolescente,
pero canto la firme dirección de tus flechas.
Canto tu bello esfuerzo de luces catalanas,
tu amor a lo que tiene explicación posible.
Canto tu corazón astronómico y tierno,
de baraja francesa y sin ninguna herida.
Canto el ansia de estatua que persigues sin tregua,
el miedo a la emoción que te aguarda en la calle.
Canto la sirenita de la mar que te canta
montada en bicicleta de corales y conchas.
Pero ante todo canto un común pensamiento
que nos une en las horas oscuras y doradas.
No es el Arte la luz que nos ciega los ojos.
Es primero el amor, la amistad o la esgrima.
Es primero que el cuadro que paciente dibujas
el seno de Teresa, la de cutis insomne,
el apretado bucle de Matilde la ingrata,
nuestra amistad pintada como un juego de oca.
Huellas dactilográficas de sangre sobre el oro,
rayen el corazón de Cataluña eterna.
Estrellas como puños sin halcón te relumbren,
mientras que tu pintura y tu vida florecen.
No mires la clepsidra con alas membranosas,
ni la dura guadaña de las alegorías.
Viste y desnuda siempre tu pincel en el aire
frente a la mar poblada de barcos y marinos.

Federico García Lorca

SILVIA
Novizio
Novizio


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  potris il Gio Set 17, 2009 11:25 am

Grazie Silvia!
io non l'avevo mai letta per intero....figuriamoci poi in spagnolo! anche perché non l'ho mai trovata tutta in internet...boh
io però non conosco molto bene lo spagnolo, la puoi tradurre per favore? (ho afferrato solo qualche pezzo magari più intuitivo...eh eh)
grazie!
avatar
potris
Forumista Stellare
Forumista Stellare


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  SILVIA il Gio Set 17, 2009 6:04 pm

potris ha scritto:Grazie Silvia!
io non l'avevo mai letta per intero....figuriamoci poi in spagnolo! anche perché non l'ho mai trovata tutta in internet...boh
io però non conosco molto bene lo spagnolo, la puoi tradurre per favore? (ho afferrato solo qualche pezzo magari più intuitivo...eh eh)
grazie!


io ci provo a tradurla appena ho un attimo di tempo.....non assicuro la perfezione pero!!! Smile appena posso mi ci metto!!!! a presto

SILVIA
Novizio
Novizio


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

ODE A SALVADOR DALI

Messaggio  LucaMenes il Gio Set 17, 2009 6:57 pm

Una rosa nell'alto giardino che desideri.
Una ruota nella pura sintassi dell'acciaio.
Nuda la montagna di nebbia impressionista.
I grigi spiano le loro ultime balaustre.

I pittori moderni nei loro bianchi studi,
tagliano il fior asettico della radice quadrata.
Sulle acque della Senna un ice-berg di marmo raffredda le finestre e dissipa l'edere.

L'uomo batte con forza le strade lastricate
I cristalli evitano la magia del riflesso.
II Governo ha chiuso le botteghe di profumo.
La macchina eterna i suoi tempi pari.

Un'assenza di boschi, paraventi e intracigli
erra sui tetti delle case antiche.
L'aria lustra il suo prisma sul mare
e l'orizzonte sale come un grande acquedotto.

Marinai che ignorano il vino e la penombra decapitano sirene sui mari di piombo.
La Notte, nera statua della prudenza,
tiene lo specchio rotondo della luna in mano.
Un desiderio di forme e di limiti ci vince.
Viene l'uomo che guarda con il metro giallo.
Venere è una bianca natura morta e i collezionisti di farfalle fuggono.

Cadaquès, sul limite dell'acqua e della collina,
solleva scalinate e occulta conchiglie.
I flauti di legno pacificano l'aria.
Un vecchio dio silvestre da frutti ai bambini.

I suoi pescatori dormono, senza sogni, sull'arena.
In alto mare una rosa è per loro la bussola.
L'orizzonte vergine di fazzoletti feriti,
unisce i grandi vetri del pesce e della luna.
Una dura corona di bianchi brigantini cinge amare fronti e capelli di sabbia.
Le sirene convincono senza suggestione e escono se mostriamo un bicchiere d'acqua dolce.

O Salvador Dalì, dalla voce olivastra! Non elogio il tuo imperfetto pennello adolescente
nè il tuo colore che corteggia il color del tuo tempo ma lodo le tue ansie d'eterno limitato

Anima igienica, vivi su marmi nuovi.
Fugge l'oscura selva d'incredibili forme.
La tua fantasia arriva dove le tue mani,
e godi il sonetto del mare sulla tua finestra.
Il mondo ha sorde penombre e disordine
ai primi limiti che frequenta l'uomo.
Ma già le stelle, nascondendo paesi, mostrano lo schema perfetto delle loro orbite.

La corrente del tempo si calma
e ordina nelle forme numeriche d'un secolo, di secoli.
E la Morte vinta tremante si rifugia nello stretto circolo del minuto presente.
Quando prendi la tavolozza, con un colpo in un'ala,
chiedi la luce che anima la cima dell'olivo.
Ampia luce di Minerva, costruttrice di impalcature,
dove non entra il sogno nè la sua flora inesatta.

Chiedi la luce antica che rimane sulla fronte,
senza scender sulla bocca nè nel cuore dell'uomo.
Luce che temono le intime viti di Bacco.
e la forza disordinata che porta l'acqua curva.
Fai bene a mettere bandierine d'avviso sul limite oscuro che brilla a notte.

Come pittore non vuoi che ti blandisca la forma
il cotone cangiante di una nube imprevista.
Il pesce nel vaso e l'uccello nella gabbia. Non vuoi inventarli nel mare o nel vento.
Stilizzi o copii dopo aver guardato con oneste pupille i loro corpicini agili.

Ami una materia definita e esatta dove il fungo non possa alzare le sue tende.
Ami l'architettura che costruisce nell'assente e ammetti la bandiera come un semplice scherzo.
Dice il compasso d'acciaio il suo corto verso elastico.La sfera già smentisce isole sconosciute.
Dice la linea retta il suo sforzo verticale e i sapienti cristalli cantano le loro geometrie.
Ma anche la rosa del giardino dove vivi.
Sempre la rosa, sempre, Nord e Sud di noi stessi!
Tranquilla e concentrata come una statua cieca;
ignorante di sforzi sotterranei che provoca.
Rosa pura che lava da artifici e schizzi e ci apre le ali tenui del sorriso.
(Farfalla inchiodata che medita il volo).

Rosa dell'equilibrio senza dolori voluti. Sempre la rosa !
O Salvador Dalì dalla voce olivastra!
Dico ciò che mi dicono la tua persona e i tuoi quadri.
Non lodo il tuo imperfetto pennello adolescente,ma canto la ferma direzione delle tue frecce.
Canto il tuo bello sforzo di luci catalane, il tuo amore per quanto è spiegabile.
Canto il tuo cuore astronomico e tenero, da carte francesi e senza nessuna ferita.
Canto l'ansia di statua che insegui senza tregua, il timore dell'emozione che t'aspetta nella strada.
Canto la sirenetta del mare che ti canta sopra la bicicletta di coralli e conchiglie.

Ma anzitutto canto un comune pensiero che ci unisce nelle ore oscure e dorate.
Non è l'Arte la luce che ci acceca gli occhi. Prima è l'amore, l'amicizia o la scherma.
Prima del quadro che paziente disegni è il seno di Teresa, dalla pelle insonne,
i ricci di Matilde l'ingrata,e la nostra amicizia dipinta come un giucco dell'oca.

Tracce dattilografiche di sangue sull'oro graffino il cuore di Catalogna eterna.
Stelle come pugni senza falcone t'illuminino
mentre fioriscono la tua pittura e la tua vita.
Non guardare la clessidra con ali membranose
nè la dura falce delle allegorie.
Vesti e spoglia sempre il tuo pennello nell'aria di fronte al mare popolato di barche e marinai.

Federico Garcia Lorca
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

grazie luca!!!!

Messaggio  SILVIA il Ven Set 18, 2009 7:33 am

GRAZIE per la traduzione!!!
mi ci ero messa ieri sera a tradurla piano piano e almeno ora sono soddisfatta di vedere che gran parte l avevo tradotta correttamente!!! ci avrei messo una vita, alcuni punti sono cavillosi....cmq è molto piu bella in spagnolo Wink cè anche una versione in inglese ma nn mi piace.....!!!! muchas gracias

SILVIA
Novizio
Novizio


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  potris il Ven Set 18, 2009 11:15 am

Grazie Luca! :-)
avatar
potris
Forumista Stellare
Forumista Stellare


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  LucaMenes il Ven Set 18, 2009 12:36 pm

Nemmeno ricordo dove ho trovato questa traduzione... Forse l'ho scannerizzata da qualche parte... Mah!

La mia memoria non persiste.... Very Happy
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  potris il Ven Set 18, 2009 12:48 pm

...si sarà disintegrata... :-D
avatar
potris
Forumista Stellare
Forumista Stellare


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  LucaMenes il Ven Set 18, 2009 1:04 pm

potris ha scritto:...si sarà disintegrata... :-D

Sad Hai proprio ragione!!!! Laughing Laughing
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  Carlo il Mar Set 22, 2009 2:49 pm

Per tutti coloro che come me, apprezzano anche questo genere di cose...
Quì sotto trovate un link dove è possibile vedere il manoscritto originale (purtroppo non è completo) del poema di Federico Garcia Lorca:

http://www.poesia-inter.net/fglo001afoto.htm
avatar
Carlo
Affezionato
Affezionato


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  chiara taccone il Mar Set 22, 2009 3:00 pm

Wooooooow!!!!Strepitoso link Carlo!!!Grazie mille per il tuo intevento prezioso e davvero interessantissimo!!!Potresti aggiungerlo anche nella nuova ZONA LINK,perkè penso sia un gran bel link!!!
avatar
chiara taccone
Forumista ULTRA
Forumista ULTRA


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amicizia tra Salvador Dalì e Federico García Lorca

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum