La persistenza della memoria

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La persistenza della memoria

Messaggio  chiara taccone il Mer Set 23, 2009 2:41 pm

La persistenza della memoria 1931 (olio su tela)

In uno dei suoi scritti autobiografici, The Secret life of Salvador Dalí, pubblicato a New York nel 1942, l’artista descrive la genesi di questo dipinto inizialmente intitolato Orologi molli che rappresenta, in un certo senso, la storia della personalità di Dalí in eterno contrasto tra la dura scorza esterna del proprio ruolo pubblico e sociale e la sensibile “mollezza” della propria fragile interiorità. Su uno dei tanti paesaggi di Port Lligat, tra gli scogli aguzzi della Costa Brava e un ulivo secco e malinconico in primo piano, Dalí immaginò tre orologi come oggetti inattesi, sottratti alla realtà quotidiana e deformati dallo sguardo delirante di un sogno, che è quello creato dall’inconscio dell’artista sintetizzato nell’occhio dalle lunghe ciglia che giace addormentato (secondo un’idea già proposta da Dalí ne Il grande masturbatore del 1929). Questi tre orologi sul punto di sciogliersi al sole - mentre un quarto, ancora chiuso nel suo coperchio dorato, è assaltato da un cumulo di formiche brulicanti - rappresentano l’aspetto psicologico del tempo, il cui trascorrere, nella soggettiva percezione umana, assume una velocità e una connotazione diversa, interna, che segue solo la logica dello stato d’animo e del ricordo. L’opera, ribattezzata Persistenza della memoria, che oggi è indubbiamente il pezzo più famoso del MoMa di New York, venne acquistato dal mercante americano Julien Levy decretando il successo e la fortuna economica della produzione di Dalí negli Stati Uniti.





Ultima modifica di chiara taccone il Gio Set 24, 2009 11:57 am, modificato 2 volte
avatar
chiara taccone
Forumista ULTRA
Forumista ULTRA


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La persistenza della memoria

Messaggio  potris il Mer Set 23, 2009 4:12 pm

“E il giorno in cui decisi di dipingere degli orologi, li dipinsi molli.
Ciò avvenne in una sera in cui ero stanco. Avevo l’emicrania, il che mi accade raramente. Volevamo andare al cinema con alcuni amici e all’ultimo momento decisi di restare a casa. Gala uscì con loro,mentre io mi coricai presto. Avevamo concluso la nostra cena con un camembert eccezionale e, allorché fui solo, rimasi ancora per un momento seduto a tavola pensando ai problemi che mi poneva il “supermolle” di questo formaggio. Mi alzai e mi recai nel mio studio, per gettare un ultimo sguardo al mio lavoro, come era mia abitudine. Il quadro a cui stavo lavorando raffigurava un paesaggio nei dintorni di Port Lligat, le cui rocce sembravano illuminate dalla luce trasparente del crepuscolo. In primo piano avevo dipinto un ulivo, dei rami tagliati e senza foglie. Questo paesaggio doveva servire di sfondo ad una nuova idea, ma quale? Cercavo un’immagine sorprendente, ma non riuscivo trovarla. Spensi la luce, e uscii dalla stanza e in quel preciso momento “vidi” letteralmente la soluzione: due orologi molli, uno dei quali pietosamente appeso a un ramo dell’ulivo. Malgrado l’emicrania, preparai la mia tavolozza e mi misi all’opera. Due ore dopo, allorché Gala tornò dal cinema, il quadro, che sarebbe diventato una delle mie tele più famose, era finito…”

Salvador Dalì, La mia vita segreta
avatar
potris
Forumista Stellare
Forumista Stellare


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La persistenza della memoria

Messaggio  LucaMenes il Gio Set 24, 2009 1:42 pm

Visto che mi siete simpatici... Laughing inserisco 2 foto del Museo di Figueres in cui a Marzo ho avuto modo di vedere la "Persistenza" (ospite d'eccezione).

Ecco l'allestimento, una sala intera solo per il dipinto.



E qui invece il dipinto (credo sia la cornice più brutta del mondo...)
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La persistenza della memoria

Messaggio  chiara taccone il Gio Set 24, 2009 3:38 pm

LucaMenes ha scritto:Visto che mi siete simpatici... Laughing inserisco 2 foto del Museo di Figueres in cui a Marzo ho avuto modo di vedere la "Persistenza" (ospite d'eccezione).

Ecco l'allestimento, una sala intera solo per il dipinto.



E qui invece il dipinto (credo sia la cornice più brutta del mondo...)
Grazie mille Luca!!! Smile Le tue foto della Persistenza sono davvero bellissime,immagino il batticuore che hai avuto nel vedere l'opera dal vivo!!! I love you
Sono proprio d'accordo con te sulla cornice,effettivamente! No
Le dimensioni dell'opera sono davvero piccole,mamma mia che meraviglia che è,strepitosa,la trovo veramente bellissima!!! Very Happy
avatar
chiara taccone
Forumista ULTRA
Forumista ULTRA


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La persistenza della memoria

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum