Mostra di dipinti stereoscopici al Museo di Figueres nel 2017

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Mostra di dipinti stereoscopici al Museo di Figueres nel 2017

Messaggio  LucaMenes il Mer Feb 01, 2017 10:51 am

Esposizione di immagini stereoscopiche al Museo DalÝ

Una nuova mostra temporanea Ŕ stata inaugurata al Teatro-Museo DalÝ di Figueres. La mostra si intitola DalÝ. immagini stereoscopiche. Pittura in tre dimensioni e rimarrÓ visibile per tutto il 2017. Sei paia di opere stereoscopiche saranno in mostra accompagnate dalle attrezzature per osservare gli effetti tridimensionali.

Ho tradotto velocemente il comunicato stampa (che trovate qui: https://www.salvador-dali.org/en/services/press/news/327/exhibition-of-stereoscopic-images-at-the-dali-museum )

Concept e contenuti

Salvador DalÝ era un artista con una curiositÓ sconfinata che Ŕ stato costantemente alla ricerca dei pi¨ recenti sviluppi tecnici al fine di applicarli per le sue creazioni. Dalla metÓ degli anni 1960 e tutto il 1970, il suo interesse si Ŕ concentrato soprattutto sulle immagini virtuali e di profonditÓ. Questo momento Ŕ coinciso con la preparazione e la successiva inaugurazione del Teatro-Museo e il pittore infatti ha dedicato alcuni spazi del museo alle illusioni ottiche: anamorfosi, stereoscopia e olografia. Alla fine del percorso intorno al museo, la camera delle illusioni ottiche nella stanza numero 19, ricrea il risultato di studi del pittore in questo campo. Da oggi questa nuova mostra temporanea (stanza 22) con le opere stereoscopiche amplia l'esposizione del museo.

Nella stanza numero 22 vi presentiamo sei coppie di dipinti ad olio stereoscopiche:

Dalý di spalle dipinge Gala di spalle eternizzata da sei cornee virtuali provvisoriamente riflesse da sei specchi veri, c. 1972-1973;

Piede di Gala, c. 1975-1976;

Senza titolo. Secondo 'Las Meninas' di Velßzquez, c. 1975-1976;

La struttura del DNA, c. 1975-1976;

La mano di Dalý toglie il vello dĺoro a forma di nuvola per mostrare a Gala lĺaurora dorata, completamente nuda, lontanissima dietro il sole, 1977-1978;

DalÝ solleva la pelle del Mediterraneo per mostrare a Gala la nascita di Venere, 1978.

Le innovazioni tecniche nel campo dell'ottica interessano molto il pittore, come le scoperte fatte nel campo della biologia legate al mondo della matematica. Non Ŕ quindi una sorpresa che alla fine del 1964 DalÝ abbia iniziato a studiare le corna di rinoceronte e le curve logaritmiche che ne derivano. Ha inoltre studiato la struttura degli occhi delle mosche, che lo hanno portato a confermare che, grazie a questa ricerca, aveva scoperto la pittura tridimensionale.

I risultati di questa ricerca possono essere visti nei dittici dipinti nel 1970. Il catalizzatore per questa linea di indagine Ŕ stato il lavoro di Gerrit Dou (1613-1675). In una mostra a Parigi tra il 1970 e il 1971 che includeva il lavoro del pittore olandese, DalÝ ha scoperto che Dou aveva fatto dei duplicati dei suoi dipinti. Secondo Antoni Pitxot, ex direttore del Teatro-Museo, DalÝ era convinto che questi non erano solo copie, ma che erano essenziali per visualizzare le immagini insieme. Dopo uno studio pi¨ approfindito, DalÝ conferm˛ che non erano esattamente le stesse, e che c'erano piccole differenze tra loro.

Ad un certo punto DalÝ ha acquistato due pezzi di Dou: La visita del medico (1650-1655) e La filatrice (1660-1665), noto anche come Ritratto della madre di Rembrandt. Il pittore ha deciso di esporle nella sala Capolavori del Teatro-Museo DalÝ. In un numero della rivista Setmanari ArtÝstic Mar empordanesa (1976), DalÝ ha menzionato questi pezzi e si chiese se uno di loro, La filatrice, era una replica o un processo stereoscopico, in coppia con quella della collezione dell'Ermitage. L'artista era molto insistente su questo tema.

Dopo aver studiato di lavoro e le stereoscopiche tecniche di Dou, DalÝ Ŕ giunto alla conclusione che il pittore olandese aveva usato lenti speciali e specchi per creare un unico dipinto stereoscopico (probabilmente con l'aiuto di Van Leeuwenhoek, uno dei primi sviluppatori di microscopia moderna), ed Ŕ stato quindi l'inventore di questa tecnica.

Ma che cosa Ŕ la stereoscopia? ╚ il risultato della visione di due immagini piatte dello stesso oggetto, presi da diverse prospettive. Quando ogni occhio vede una delle immagini, il cervello li somma e questo produce una sensazione di profonditÓ. Sulla base di questo principio, DalÝ cre˛ coppie di quadri di immagini quasi identiche, ma visti da diversi punti focali producono effetti tridimensionali. Queste coppie di dipinti non sono mai copie identiche, infatti i colori delle immagini cambiano, a volte molto. La composizione risultante formata nel cervello diventa immagine in tre dimensioni, come quelli che sono oggi popolari nei giochi virtuali e nelle proiezioni cinematografiche.
avatar
LucaMenes
FONDATORE
FONDATORE


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum